Ad oggi Tutti i poli turistici che erano in scadenza lo scorso dicembre sono chiusi!

Ma quale servizio offre il nostro comune ai nostri ospiti?

Amministrare richiede pianificazione e lungimiranza, se si procede per tentativi questi sono i risultati…

Un’amministrazione seria predispone uno scadenzario delle cose importanti e non si muove “a braccio”.
Ed invece nei propri soliloqui sui social si cerca da sempre di scaricare la colpa sulle “famigerate minoranze”, usate troppo spesso da capro espiatorio delle inefficienze di questa amministrazione, senza fare un po’ di sana ed onesta autocritica.
Infatti le scadenze concessorie erano note a chi amministra dal 2015 che ha avuto tutto il tempo per predisporre i bandi e rispettare le norme facendo ogni verifica necessaria la chiusura delle strutture è sotto gli occhi di tutti tanto che molteplici cittadini hanno rilevato tale problema sui social.

L’amministrazione si vanta che rispetto ai precedenti canoni d’affitto, quelli risultanti dai nuovi bandi sono molto superiori negli importi incassati dal comune, ma si dimentica di ricordare che l‘offerta migliorativa del canone non è merito dell’amministrazione ma evidentemente del soggetto che partecipa al bando. Infatti l’aumento dei canoni è imputabile ad un maggior interesse del mercato a questo tipo di servizi, ne è prova il fatto che alcuni dei nuovi concessionari vengono da fuori regione. L’aspettò economico quindi non è merito del comune ma dei privati cittadini che hanno fatto rialzi a volte consistenti su bandi con base d’asta molto più bassa.

Ma tornando alle scadenze delle concessioni, il comune era stato sollecitato dalla minoranza di Progetto Comune con specifici atti documentali fin dalla passata consigliatura ed in seguito sia a dicembre 2020, sia a febbraio sia ad aprile, ricordando all’amministrazione la necessità di predisporre i bandi in tempo utile.

L’offerta economica non è l’unico parametro di giudizio ma si devono valutare servizi, qualità, gestione delle risorse
In sei anni di amministrazione abbiamo assistito più a proclami che a fatti e, soprattutto su Torbole le critiche della cittadinanza e dei turisti non sono certo mancate. Vogliamo ricordare che il nuovo municipio ha tenuto occupato il parco Pavese per 5 anni e che, nonostante le promesse ed i proclami ancora non si è visto alcun lavoro per la piazza.
Nemmeno il tanto pubblicizzato e promesso campo da calcio in località Mala, che doveva essere pronto nel luglio 2019 ha visto muoversi una sola zolla. Per non parlare del circolo tennis a Torbole, ancora in balia di un cantiere a stagione turistica già iniziata.

Questa amministrazione non ha capito che il post pandemia avrebbe richiamato nel Garda Trentino, ed era ampiamente prevedibile, gli escursionisti locali che ovviamente si appoggiano prettamente sui servizi pubblici diffusi.

Amministrare significa avere una visione, programmare, progettare e realizzare per tempo, tutte competenze che questa amministrazione dimostra giorno dopo giorno di non avere.

Al fine di rendere ben noto alla cittadinanza cosa sta accadendo al nostro Comune e come sta attualmente operando l’amministrazione, nelle scorse serate sono stati recapitati ai cittadini oltre 1200 volantini, dei quali vi diamo copia .

Buona stagione estiva a tutti!

Progetto Comune, Nago-Torbole 2021